Home » TOSCANA » ARTE E SAPORI » PISA

PISA

L'ANTICA REPUBBLICA MARINARA

L'ANTICA REPUBBLICA MARINARA - VOLENDO VIAGGI

Pisa ospita alcune tra le più prestigiose strutture universitarie europee, ha un simbolo universalmente conosciuto: la torre pendente.  iniziò a inclinarsi già durante la costruzione; volendo si possono salire i 294 scalini che portano alla sommità e ammirare Pisa dall’alto.

Il bel campanile del duomo in stile romanico pisano è senza dubbio il monumento che bisogna assolutamente vedere quando si giunge nella città toscana, ma le attrattive turistiche non si limitano certo a quest’opera architettonica unica al mondo. Piazza dei Miracoli deve essere vista e non deve mancare una visita all’interno del duomo, dedicato a Santa Maria Assunta e risalente al XI secolo.

Seppure gli interni siano spogli non bisogna dimenticare il Battistero di San Giovanni che ha una particolarità unica: un’acustica formidabile che dà origine a un eco che somiglia al suono di un organo.

Accanto agli edifici religiosi si trova anche il Museo dell’Opera del Duomo che accoglie sculture, dipinti, reliquiari che si trovavano sia nella cattedrale che nel battistero e che furono rimossi in seguito al disastroso incendio che devastò la cattedrale nel XVI secolo.

Un lato di Piazza dei Miracoli è delimitato dal Camposanto Monumentale, in stile gotico e cinto da mura che un tempo erano affrescate, ma un bombardamento durante la seconda guerra mondiale danneggiò quasi irreparabilmente quelle opere d’arte. Moltissimi affreschi sono tuttora in fase di un difficilissimo restauro, di molti sono rimaste solo le sinopie (abbozzi preparatori) ed è per questo che accanto al Camposanto Monumentale sorge il Museo delle Sinopie.Piazza dei Miracoli è racchiusa su due lati dalle mura cittadine risalenti al medioevo, sulle quali spiccano la bella Torre di Santa Maria e la Porta del Leone, l’accesso che era riservato alle persone più in vista della città.

Per un tuffo nello shopping e nelle caratteristiche vie medioevali porticate non c’è niente di meglio che una passeggiata attraverso Borgo Stretto che culmina poi in Piazza Garibaldi e di qui, al Ponte di Mezzo e ai Lungarni che sono estremamente affascinanti. Continuando a passeggiare per la città si deve toccare anche l’altra piazza pisana famosa quasi quanto quella dei Miracoli, si tratta di Piazza dei Cavalieri, il cuore della vita politica dell’antico comune.

Nel Rinascimento la piazza subì delle trasformazioni e la famosa torre venne inglobata nello splendido Palazzo dell’Orologio.  Sulla piazza si affacciano anche il cinquecentesco Palazzo della Carovana, sede dei Cavalieri di Santo Stefano e ora della Scuola Normale e la vasariana chiesa intitolata al santo.

Infine, dopo aver ammirato ciò che resta della famigerata Torre della Fame, è consigliable spingersi fino alla duecentesca chiesa di San Francesco, un edificio semplice, seppure di notevoli dimensioni. Al suo interno, purtroppo depredato dalle truppe napoleoniche delle molte opere d’arte, si trovano cappelle con tombe familiari, tra cui quella che ospita i poveri resti del conte Ugolino e dei suoi figli.

VOLENDO VIAGGI

VOLENDO VIAGGI